CLAUDIO MARTINI: I racconti del ripostiglio

Pubblicato: 19 giugno 2007 da fiaeforum in Senza categoria
Tag:,

Circa un anno fa, ripresi in mano un libro che mi è sempre parso straordinario, Se una notte d’inverno un viaggiatore, di Italo Calvino. In quel testo, l’autore proponeva un insieme di incipit di romanzi (scritti con stili differenti e richiamandosi a diverse correnti narrative) che venivano intervallati con la vicenda di due lettori alle prese con la bizzarria dei testi: in un caso il libro è rilegato male e consiste nella ripetizione del primo “sedicesimo”, da pag 17 si torna a pag 1; altri incipit terminano bruscamente con un insieme di pagine bianche, in altre occasioni, le storie si mescolano e non si capisce più chi sia l’autore e i protagonisti delle vicende narrate. Il romanzo si rivela come un meccanismo che mescola piani narrativi distinti, un raffinato congegno sul rapporto autore/lettore, tra protagonista e scrittore, in un gioco che interseca i livelli della narrazione e li trasforma in un esercizio letterario divertente e allusivo.
Ho pensato che sarebbe stato stimolante scrivere un romanzo che raccogliesse in qualche modo l’insegnamento di Calvino e, nonostante la temerarietà dell’impresa, mi ci sono dedicato con lo zelo  di un convertito alla vera fede.
Ho iniziato selezionando alcuni racconti, scritti negli ultimi due – tre anni e poi ho provato a definire una cornice narrativa comune. Ho utilizzato un vecchio espediente della narrativa: il protagonista trova “casualmente” nel ripostiglio di casa sua alcune pagine che contengono dei racconti. Sorpreso, li legge, formula congetture sull’identità dell’autore, cerca di rintracciarlo, fino a quando sarà l’autore a contattare lui facendogli trovare un biglietto con le istruzioni per il Gioco. Il protagonista si ritroverà coinvolto in una vicenda misteriosa di cui ignora il senso e gli obiettivi, un gioco in cui la distanza tra lui e i protagonisti dei racconti che legge tende a diminuire e ad azzerarsi. Leggendo i testi che gli vengono consegnati in una specie di caccia al tesoro letteraria, si rende conto che spesso descrivono parti della sua vita che aveva in qualche modo rimosso e consegnato all’oblio. Uno dei personaggi –Monica- “esce” da un racconto (intitolato “Amnesia”) e assume una consistenza reale, accompagnando il protagonista lungo le tappe del Gioco, come un moderno Virgilio in sembianze femminili.
Dopo numerosi esitazioni e smarrimenti, il protagonista comprenderà il significato del Gioco, ma non vi anticipo lo scioglimento. Vi anticipo, invece, che qualche giorno fa ho firmato il contratto di edizione de "I racconti del ripostiglio"  con Besa e che, nel giro di sei mesi, il romanzo sarà pubblicato. Ne sono veramente felice e v’invito a condividere la mia allegria.

Writer

Annunci
commenti
  1. Ipanema ha detto:

    complimenti anche qui, su questo nostro blog, Claudio.
    E in attesa della copertina del libro, buona estate! I.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...