2° FETTA DI PANETTONE: INTERVISTA A ROBERTO LORICI, LIBRERIA LORICI BOLOGNA

Pubblicato: 16 novembre 2012 da amnerisdicesare in INTERVISTE, librerie indipendenti, scrivere

Storia della libreria: La libreria nasce tanti anni fa, quanti non sono mai riuscito a stabilirlo esattamente e si dice che una volta fosse dall’ altra parte della strada. La vecchia gestione abbandona circa dodici anni addietro e, dopo un interregno di quattro anni di una nuova gestione, subentro io. Completamente a digiuno anche solo dei rudimenti del mestiere (venivo da una esperienza pluri-ventennale in ambito chimico-ceramico nel comprensorio di Sassuolo), sopperisco con tanto entusiasmo e passione per i libri, pur con un po’ di apprensione per l’ inizio di questa nuova esperienza. Il negozio che mi trovo a gestire commercia in libri nuovi ed usati, fumetti ed audiovisivi (allora le obsolete VHS) e decido di mantenere quella linea, pur potenziando il settore dei fumetti da collezione (mossa che si rivelerà felice), introducendo una sezione musicale di CD, più per mio sfizio che per reali ragioni di business e cambiando alcune cosa qua e là, oltre a fare un po’ di scolastico.

Il primo anno non è facilissimo, dovendo gestire un’ attività che, forse, negli ultimi tempi, era stata gestita non ottimamente e pagando dazio all’ inesperienza che qualche impiccio mi ha procurato. Il secondo anno… è stato molto peggio. Dopo dieci mesi di apertura mi apre esattamente davanti al negozio la famigerata “Isola del libro”, con tre vetrine stile “Feltrinelli”, con tanto di arredamento studiato da un architetto (avete presente “c’è post@ per te”?). Fortunatamente i clienti fedeli sono rimasti tali, consentendomi, stringendo i denti, di resistere i mesi necessari affinché l’Isola sprofondasse nell’oceano come Atlantide. Da lì in avanti è stata un’altra storia, con una potenziale risalita dell’attività, anche per merito di un ampliamento del parco distributori da cui rifornirmi, che mi ha permesso di avere il materiale per i clienti in tempi strettissimi, compresi testi di non facilissima reperibilità. Certo è che la crisi, soprattutto negli ultimi due anni, si è fatta sentire, ma dopootto anni compiuti esattamente il 2 Novembre scorso, la Libreria è ancora qui, che veleggia verso il decennale (facendo i debiti scongiuri).

 1-      Quanti nuovi titoli ricevete in media al ogni mese?

250, molto circa.

2-      Vi capita mai di essere obbligati ad accettare titoli di best seller  dei quali fareste volentieri a meno e magari siete poi costretti a rinunciare ad autori promettenti ma poco conosciuti?

Mai capitato, scelgo tutto io.

3-      Da quale tipo di libri sono più attratte le persone?

Gialli, romance

4-      Avete notato, negli acquisti, la prevalenza delle donne rispetto agli uomini? Se sì, in quale campo specifico?

Molte più donne, narrativa varia, gialli e romance.

5-      Vanno via meglio i romanzi rispetto ai saggi o viceversa?

Meglio i romanzi, di molto.

 6-      Spesso i libri di scrittori emergenti non trovano spazio sugli scaffali delle librerie. A volte, per il cliente finale, risulta difficile anche ordinarli. Come mai? Troppa offerta rende difficile conoscere tutti i nuovi titoli pubblicati (in Italia escono circa 6.000 libri nuovi all’anno!)? O gioca di più il fattore economico, nel senso che per un libraio non è conveniente ordinare un solo titolo da una piccola casa editrice, per quanto distribuita su tutto il territorio nazionale? 

Lo spazio è quello che è e si tengono in vista i libri di maggior vendibilità. Per gli scrittori emergenti nessun problema, salvo quando la distribuzione a Bologna è nulla. In questo caso, a volte si ordinano presso l’ editore, ma con i vari balzelli non conviene molto… lo si fa per etica e per supportare i piccoli scrittori.

7-      Quanto influisce la pubblicità sulla vendita?

Tantissimo. Non si spiegherebbero sennò le vendite delle sfumature di grigio, rosso…

8-      Data la crescente possibilità di acquistare on-line, avete per caso notato negli ultimi tempi una flessione nelle vendite?

Sicuramente, ma non so in % quanto incidano la distribuzione on-line, i supermercati, la crisi etc etc…

 9-      Gli e-book suscitano diffidenza in quanto ancora poco noti, ma essendo più economici sono i preferiti dai giovani. Come pensate di organizzarvi mantenendo intatto il canale di vendita cartaceo?

Andando dall’ altra parte, potenziando il “vintage”

10-  Con quali criteri disponete i libri sugli scaffali?

Per genere e per tipologia (usato, remainders, nuovo…)

11-  Come vede il futuro delle librerie indipendenti? In maggiore flessione oppure con possibilità di ripresa?

Penso flessione, visto che ne stanno chiudendo tante. Incrociamo le dita.

 12-  Per vendere un libro, bisogna promuoverlo, e questo è un fatto che accomuna scrittori famosi e scrittori appena emergenti; la promozione, in prima battuta va fatta nelle librerie attraverso presentazioni. Ma spesso gli scrittori emergenti incontrano grosse difficoltà nel trovare spazi adeguati per queste attività promozionali: i librai sono sempre più spesso restii a organizzare presentazioni nelle loro librerie e chiedono garanzie di vendita o di affluenza prima di concedere una data. Questo quando non chiedono addirittura una contributo economico per  la disponibilità degli spazi. Secondo lei perché ciò avviene? Non sarebbero, le presentazioni, un modo per fare comunque pubblicità alla libreria e un’occasione per vendere di più (e non solo il libro presentato)?

Per quel che mi riguarda, sarei assolutamente disponibile a questo tipo di incontri, senza chiedere oboli o garanzie sul numero di partecipanti (evitando eventualmente il sabato), ma lo spazio mi è tiranno.

13-  come si diventa libraio? Basta la passione per i libri? Che consigli darebbe a un ventenne che vuole iniziare questa professione?

 Passione e predisposizione minima per il “commercio” ed il contatto col pubblico.

Grazie per averci concesso questa intervista,

(Amneris Di Cesare)

LIBRERIA LORICI
Via Andrea Costa, 56
40134 BOLOGNA
Tel.: 051/6144930

Email libreria.lorici@libero.it

Annunci
commenti
  1. aquanive ha detto:

    Reblogged this on Scarabocchi.

  2. […] Libreria Lorici, una delle più belle e interessanti librerie indipendenti di Bologna, da me intervistata qui, da sempre attenta al panorama letterario bolognese, ci ospiterà per la Notte Bianca di Via Andrea […]

  3. […] vedersi in vetrina e soprattutto vedere il libraio apprezzare un libro. Roberto Lorici, libraio (qui la sua intervista a me rilasciata qualche mese fa) è uno che se ne intende. E se lo dice lui che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...